Dieta Dukan, ecco le perplessità

Il titolo rimane, ma da ieri il
dottor
Pierre Dukan, padre della
dieta più discussa del momento e che ha conquistato milioni di persone (si parla infatti di oltre venti milioni, di cui solo cinque in patria, ossia la Francia) è stato radiato dall’
Ordine dei Medici francesi. Nessun fulmine a ciel sereno a quanto pare, perché come riferisce il
Telegraph, era stato lo stesso Dukan a chiedere la radiazione dall’ordine, appena un mese fa.

Il motivo? Il nutrizionista, forse, pensava così di sfuggire ai procedimenti disciplinari intentati contro di lui, che avrebbero rischiato di danneggiare la sua immagine. Ma, appunto,
pensava. Infatti, come ha fatto sapere
Irène Kahn-Bensaude, a capo dell’ordine dei medici francesi, la mossa di Dukan non gli risparmierà la gogna:
“Radiato o meno, i procedimenti contro di lui andranno avanti”, in quanto precedenti alla radiazione.

E le accuse rivolte al nutrizionista sono tutt’altro che sciocchezze. Dukan avrebbe infatti violato il
codice deontologico nel passaggio in cui cita:
“Un medico dovrebbe essere consapevole delle ripercussioni che le sue idee possono avere sul pubblico”. A mettere nei guai il medico è stata la sua proposta di attribuire un punteggio extra ai
ragazzi che arrivano alla
maturità mantenendo un
giusto peso. Un’esternazione giudicata troppo rischiosa dai colleghi, soprattutto considerando gli effetti che potrebbe avere sugli adolescenti che combattono contro obesità e anoressia. Se non bastasse, l’Ordine ha avviato un secondo procedimento per capire se l’impero di Dukan (un giro d’affari di circa 100 milioni di euro) fosse compatibile con il codice deontologico.

Danni di immagine a parte, a quanto pare il massimo che potrebbe capitare a Dukan è una sanzione di avvertimento o di censura. La radiazione, intanto, ha riportato l’attenzione sul discusso metodo ideato dal nutrizionista che, con le quattro fasi di
attacco,
crociera,
consolidamento e
stabilizzazione, promette di far perdere i chili di troppo e di mantenere la linea raggiunta a vita. Sostanzialmente, riducendo drasticamente i
carboidrati e facendo il pieno di
proteine. Insomma, i precetti della
dieta mediterranea, riconosciuta come la più salutare al mondo e dichiarata
Patrimonio Unesco dell'Umanità, vengono dimenticati.

Che si dimagrisca rapidamente è vero ma, secondo i medici sostenitori della dieta mediterranea, si tratterebbe di un dimagrimento illusorio, dove ad andarsene, all'inizio, non sono i grassi ma l’acqua. Inoltre, se il regime iperproteico si protrae per molte settimane senza un controllo medico, si corre il rischio di sovraccaricare reni e fegato. L'assunzione di carne rossa, infine, per quanto magra, è associata a un aumento del
colesterolo cosiddetto cattivo Ldl (Low-Density Lipoproteins). La comunità scientifica è quindi abbastanza concorde nel bocciare la dieta Dukan. E anche la
British Dietitic Association ha
classificato questa dieta come il peggior regime alimentare delle celebrità del 2011.

(Credit per la foto: Getty Images)

 

Fonte : Wired.it

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi