La crisi d’identità di Tesla

In passato,Tesla ha patito crisi esistenziali: come quella del 2008, quando andò vicina alla bancarotta. Ma non ha mai vissuto una vera crisi d’identità. Adesso sì.

Per Elon Musk e il suo team la domanda non è “ce la faremo?”, ma piuttosto “chi siamo?”. A guidare questa crisi d’identità è la recente notizia che un guidatore sia rimasto ucciso nel mese di maggio, quando la sua Tesla Model S con tecnologia a guida semi-autonoma è finita contro un semirimorchio sull’autostrada della California, provocando uno schianto fatale.

Ma questa è soltanto una faccia della crisi, che si è intensificata nel momento in cui la National Highway Traffic Safety Administration, che già indagava sull’incidente in Florida, ha raccolto informazioni su un incidente non fatale relativo all’autopilota in Pennsylvania.

L’altra faccia della crisi è rappresentata dal fatto che Tesla ha deciso di non voler più essere un’azienda automobilistica.

Il piano generale

Guardiamo prima questo. La verità è che Tesla non ha mai voluto diventare un’azienda automobilistica, non nel senso tradizionale o Honda  che costruiscono e vendono auto.

Musk investì in Tesla oltre dieci anni fa e più tardi ne divenne l’AD, perché voleva accelerare il passaggio dell’umanità dai combustibili fossili all’energia sostenibile. Le macchine elettriche sono una componente fondamentale di questo piano generale.

Ma, sapete, Tesla doveva comunque costruire auto, quindi in breve tempo – quanto Tesla era “Tesla Motors”, prima di diventare solo “Tesla” – era una produttrice di auto. Una non molto efficiente, come abbiamo visto la scorsa settimana, quando ha mancato i suoi obiettivi di produzione e consegna per il secondo trimestre.

tesla auto pilot

Onestamente, il mancato rispetto delle linee guida non è niente di nuovo per Tesla e, diversamente da General Motors, non è stata nel settore automobilistico per 100 anni. C’era da aspettarsela, una curva di apprendimento.

La crisi relativa al pilota automatico è più grave.

Questo perché Tesla ha sempre sottolineato di non essere una produttrice d’auto tradizionale – è una società tecnologica dinamica, proprio da Silicon Valley, che sconvolge i vecchi sistemi utilizzando software per migliorare rapidamente i suoi veicoli e avanzare verso il futuro.

Il pilota automatico è là fuori

Il pilota automatico ne è un classico esempio. Tesla ha creato dei sistemi di autoguida nelle sue vetture e in seguito, con un aggiornamento del software, ha integrato tali capacità e ha girato l’interruttore per renderle disponibili ai proprietari. Siete andati a dormire con un auto che non poteva guidarsi da sola (in circostanze specifiche) e vi siete svegliati con una che poteva farlo.

Il pilota automatico, che io ho provato, era un passo avanti rispetto a qualsiasi cruise-control avanzato attualmente disponibile su qualsiasi veicolo delle principali società.

Ma c’era un motivo. Cadillac, per esempio, ha testato un sistema simile chiamato “Super cruise”.

tesla-autopilot

Ma Caddy, il marchio di lusso di GM, non lo ha ancora reso disponibile per i clienti. E dato ciò che è successo con il pilota automatico, potrebbe essere stata una mossa saggia.

Tesla sostiene giustamente che, da quando è stata lanciata la tecnologia, ci siano stati soltanto due incidenti mortali relativi all’autopilota e che tale tecnologia abbia finora indicato un livello maggiore di sicurezza per guida in autostrada rispetto a quella che un guidatore umano potrebbe gestire.

Se si segue una traiettoria naturale relativa al miglioramento del pilota automatico, questa porta a delle Tesla in gran parte con pilota automatico in dieci o vent’anni e all’inizio di un rapido declino nelle 35.000 morti causate da incidenti automobilistici sulle strade americane. Il guidatore umano è sempre stato l’elemento più pericoloso di un’automobile.

Ma i clienti e un pubblico più ampio sono adesso spaventati dalla guida automatica, nonostante non sia nemmeno vicina alla piena autonomia. La tecnologia è stata messa in discussione. Le prestazioni delle auto elettriche di Tesla, che generalmente sono impressionanti, non lo sono più.

Le auto sono diverse

Per Tesla, questo è imbarazzante. Qualsiasi altra società tecnologica avrebbe avuto difficoltà a trovarsi in una posizione simile, perché le società di gadget e i creatori di app della Silicon Valley, come Apple non possiedono piattaforme tecnologiche che possano andare da 0 a 100 km/h in meno di tre secondi e che superino periodicamente i limiti di velocità sulle autostrade. Tesla sta utilizzando la sua tecnologia, letteralmente, per risolvere complessi problemi di fisica, non per facilitare i rimorchi il sabato sera o per dire a vostra madre che vi manca la sua torta di mele.

In realtà, penso che l’intensità della tecnologia di Tesla, che si distingue decisamente dagli elementi più frivoli dell’ecosistema della Silicon Valley, sia ciò che sta guidando la sua crisi d’identità.

I produttori di auto tradizionali sono felici che le cose vadano in questo modo. Sono affascinati da Tesla e invidiosi della sua abilità di raccogliere barche di soldi senza profitti e con una produzione annuale che metterebbe in imbarazzo un grande produttore di auto. Ma sono anche lieti di lasciarla correre sull’orlo del rischio. Ad esempio, adesso GM ha un chiaro esempio di cosa il pilota automatico/Super cruise non sia in grado di gestire: un grande camion bianco che passa davanti a un veicolo.

Per far sì che Tesla sia Tesla, deve continuare a insistere sul lato tecnologico. L’autopilota è stato il limite massimo verso cui si è spinta – così lontano che la società ha richiesto che i proprietari, nella versione beta del software, ne comprendessero i rischi.

Mi aspetto che Tesla continui a insistere. Ma mi aspetto inoltre che la compagnia abbia altri dibattiti sul fatto che le tecnologie che sono strettamente connesse alla sicurezza dovrebbero essere portate avanti con lo stesso zelo con cui è stato portato avanti il pilota automatico.

Fonte: Business Insider

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi